Super Mario e i Conti Bros

di Alec Cordolcini

1. Anche la Svizzera ha il suo Super Mario. E’ il ticinese di Cadempino (ma le origini sono croate) Gavranovic, uomo copertina (nella foto qui a fianco è il primo da sinistra) in questo inizio di stagione, la prima per lui in Super League. Un gol e due assist nelle prime due giornate di campionato, che hanno fruttato al Neuchatel Xamax un pareggio (un po’ stretto) a Bellinzona e una bella vittoria casalinga (3-0) contro i campioni in carica dello Zurigo. Gavranovic, classe 1989, agisce da seconda punta, partendo dalla trequarti e svariando molto sull’intero fronte offensivo. Non è velocissimo ma possiede buone qualità tecniche e sa vedere bene il gioco. Già collaudato il feeling con il compagno di reparto Aide Brown (nigeriano atletico classe ’88, dalle qualità ancora difficili da decifrare), piace il suo “timing”, ovvero la capacità di farsi trovare nel posto giusto al momento giusto. Un esempio l’ha fornito proprio durante il suo debutto in Super League contro il Bellinzona quando, dopo un primo tempo trascorso nel vano tentativo di trovare la posizione (e l’ispirazione) giusta, ha colpito alla prima occasione utile, girando in rete al volo un traversone dalla destra nonostante fosse sbilanciato da un difensore avversario. Una piccola perla per presentarsi al meglio nella massima serie elvetica.
2. Mario Gavranovic arriva dall’Yverdon, Challenge League svizzera, ed è reduce da un campionato chiuso con 8 reti ma iniziato nel peggiore dei modi a causa di una squalifica rifilatagli dalla Federazione per il modo poco ortodosso con il quale il giocatore si è svincolato, nell’estate 2008, dal Lugano per accasarsi nel club romando. “Gravi inadempimenti contrattuali e ripetute violazioni di carattere disciplinare” avevano addirittura spinto i bianconeri ticinesi a perseguire penalmente il giocatore. A metà ottobre il TAS di Losanna ha sospeso la sanzione permettendo a Gavranovic di tornare a riassaporare l’aria di una partita ufficiale, sia nell’Yverdon (dove ha debuttato segnando contro il Locarno) che nell’under-20 svizzera, dal cui giro era uscito proprio perché non poteva essere impiegato dal proprio club. A gennaio si parlò di un interessamento del Genoa, che poi però scelse il connazionale Carlo Polli. Ma un anno in Super League, da titolare, può fargli solo bene.
3. Non abbiamo sottomano almanacchi statistici del calcio svizzero, pertanto non possiamo affermare che Nassim Ben Khalifa sia, all’età di 17 anni e 6 mesi, il più giovane marcatore di sempre della Super League. Sono comunque bastati 8 minuti a questo attaccante di origini tunisine nato il 13 gennaio 1992 per segnare, nel match tra Grasshopper e Sion, la sua prima rete da professionista in una squadra di club. Già, perché a livello di nazionali il giocatore vanta un discreto numero di segnature, l’ultima delle quali al recente Europeo under-17 nel pareggio (1-1) contro la Francia che ha garantito ai rossocrociati l’accesso alle semifinali del torneo, prima di cadere contro l’Olanda. Agile, rapido, punta l’uomo con decisione, Ben Khalifa è già finito sotto l’ala protettiva del neo-tecnico delle cavallette Ciriaco Sforza, che ha dichiarato come “giovani del suo talento devono avere fin da subito la possibilità di misurarsi in un contesto importante come la Super League”. Arrivato nell’agosto del 2008 dal Losanna (prima c’erano stati Strade Nyonnais e Fc Gland), Ben Khalifa ha le potenzialità per diventare la new sensation del calcio svizzero.
4. Dai talenti in erba passiamo ai bomber navigati per un rapido accenno al ritorno di Alex Frei a Basilea dopo 11 anni di assenza trascorsi tra Thun, Lucerna, Servette, Rennes (100 partite, 47 reti) e Borussia Dortmund (74/34). Attuale record-man di marcature della nazionale svizzera, Frei gode in patria di un culto pressoché assoluto, di gran lunga superiore anche ad attaccanti che, in termini numerici, hanno segnato più di lui (ad esempio Blaise Nkufo, quest’ultimo però penalizzato dal “veto” posto per lungo tempo dall’ex ct Kuhn alle sue convocazioni nella Nati); per avere un’idea di quando “tiri” il personaggio Frei (nonostante non sia certo un mostro di simpatia) basta rilevare come nel giorno della sua presentazione a Basilea erano presenti quattro televisioni, decine di radio e circa 100 giornalisti. Indubbiamente con lui, Hakan Yakin (Lucerna), Xavier Margairaz (Zurigo), Johan Vonlanthen (Zurigo), Emile Mpenza (Sion) e Mario Frick (San Gallo), la Super League guadagna in qualità. E poi anche i tifosi del Basilea possono tirare un sospiro di sollievo. Da oggi niente più vittorie rubacchiate nei minuti di recupero contro l’Aarau di turno grazie alla rete di potenza del solito Marco Streller al termine di novanta minuti di sconfortante vuoto tattico. O almeno così si spera.
5. Dopo Daniele e Andrea, apprendiamo dalla Gazzetta dello Sport che il mitico Bruno Conti ha un terzo figlio calciatore, si chiama Adriano e gioca anch’egli nel Bellinzona. Proprio così, perché secondo il titolo di una breve pubblicata dalla rosea in settimana, i granata avevano perso al Comunale contro il Lucerna segnando il gol della bandiera grazie ad “Adriano” Conti. Non ci sorprendiamo. Sul quotidiano sportivo milanese gli errori in tema di calcio svizzero sono all’ordine del giorno, e forse sarebbe meglio che qualcuno lo facesse presente al loro corrispondente Rinaldo Giambonini. Non ci sorprendiamo-bis. Giambonini è infatti autore di uno dei peggiori libri in ambito calcistico che ci sia mai capitato di leggere. Il titolo è “Rossocrociati – La storia del calcio svizzero dal 1905 a Euro 2008” (Armando Dadò Editore), ed è di una superficialità e di una piattezza imbarazzante. Un tredicenne che scopiazza da Wikipedia non avrebbe potuto fare peggio, e lo diciamo da acquirenti paganti dell’opera. 25 franchi svizzeri buttati nel fiume. Una serata al Gufo Notte di Roveredo ci avrebbe lasciato meno rimpianti.
(in esclusiva per Indiscreto)
Annunci

  1. Gioca in Challenge League, la serie cadetta. Il Bellinzona gli ha appena prestato la punta Roux. La rosa e' divalore medio-alto per il torneo che sta disputando, ma considerando che c'e' solo un posto e mezzo (lo spareggio)disponibile per salire in Super League…

  2. @jeremy: no, ho digitato la cifra giusta. Sono pochi in base allo sport che guardiamo…devi tener conto che la federazione svizzera di rugby ha solo 2000 tesserati e se pensi che il Lugano è stato fondato solo 2 anni fa per me la cifra è importante (un club di serie C (di rugby intendo) in Italia non riesce a smuovere quelle cifre e pensa che qui da noi il movimento ha ben altre dimensioni (numero di tesserati, partecipazione al 6 nazioni ecc…). Per farti un esempio è come se da noi una squadra di Curling riuscisse a racimolare 38000 euro annui, a me non sembran poi così pochi.@Alec: ritornando a parlare del calcio della Confederazione, che fine ha fatto il glorioso Thun che, se non sbaglio qualche anno fa giocò nel girone di Champions?

  3. Scusa anjo: 60.000 fr sono davvero pochini (al cambio 38000 euro circa). Forse hai sbagliato a scrivere, credo.

  4. @alec: grazie comunque per la risposta. La mia curiosità è stata suscitata da un articolo che lessi qualche tempo fa su un giornale ticinese nel quale si veniva riportato che il rugby lugano (squadra fondata solo 2 anni fa e che di sicuro non attira l'attenzione come il calcio e ancor meno come l'hockey ghiaccio) ha già un budget di 60000 fr., quindi volevo farmi un'idea sulle cifre che circolavano nel calcio elvetico. Ciao

  5. Non lo so con precisione, in questo credo potranno essere piu' utili Paolo o Dag_nasty, se hanno voglia di intervenire.Ricordo un paio di anni fa un'intervista al presidente del Basilea Gisela Oeri che parlava di 30 milioni di franchi di budget, e i renani sono la squadra piu' ricca. I piu' poveri di Super League sono i nostri amici del Bellinzona, che credo si attestino sui 6-8 milioni.Di piu' purtroppo non so.

  6. @Alec: sapresti dirmi, a grandi linee, qual è il budget medio di una squadra che partecipa alla Super League e di una di Challenge League? In particolare sarei curioso sulle ticinesi.grazie, ciao

  7. Ammetto la mia colpa, che in italiano si chiama ignoranza: ho cambiato 'romando' in 'romancio' con la buona motivazione che mi suonava meglio…

  8. il mitico correttore automatico, quello che usava un noto giornalista che poi però scriveva del Chiedo Verona e di Didier Droga 🙂

  9. In effetti nel file word che ho inviato al Direttore c'era scritto "romando"…..Mistero….

  10. é chi di segnalazione ferisce, di segnalazione perisce :-)L'Yverdon mi sa che è un club romando, non romancio…




Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: