Tutti clienti degli sponsor

di Stefano Olivari

1. Alla fine vuoi vedere che questa Confederations Cup interessa? Ma forse è perché in Sudafrica hanno un calciomercato in tono minore (in altri paesi, in contemporanea a Barcellona-Manchester United finale di Champions, ci sono stati canali che hanno organizzato prime serate sugli ultimi colpi: e ancora non si era nel vivo delle vicende Kakà, Ibrahimovic, Spalletti, eccetera). Di fatto c’è già il tutto esaurito per Italia-Brasile del 21 a Pretoria (Loftus Versfeld Stadium) e per la finale del 28 a Johannesburg, mentre in generale si sta viaggiando oltre i 400mila biglietti venduti: il 70% della capienza, e mancano ancora due settimane. Magari saranno tutti clienti e fornitori degli sponsor, in stile Montezemolo, ma di solito non funziona così.
2. Nessuna sorpresa per quanto riguarda le dodici città brasiliane del Mondiale 2014, ufficializzate dalla FIFA: Rio de Janeiro, San Paolo, Brasilia, Curitiba, Porto Alegre, Cuiaba, Manaus, Fortaleza, Natal, Recife, Salvador e Belo Horizonte. Non c’è ancora la certezza, ma non occorre Nostradamus per ipotizzare che la partita inaugurale dovrebbe giocarsi a San Paolo e quella finale a Rio. Nell’edizione maledetta (dai brasiliani) del 1950 le città ospitanti furono sei: Rio (al Maracanà sia la partita inaugurale che la finale), San Paolo, Belo Horizonte, Curitiba, Porto Alegre e Recife. Furono ventidue le partite in totale, di cui 8 al Maracanà e 6 al Pacaembu di San Paolo.
3. L’indisponibilità di Anderson ha riportato nella Selecao Kleberson, dopo cinque anni di assenza. Il volante del Flamengo, una delle mosse vincenti di Scolari nel 2002 (di fatto prese il posto di Juninho), sembra ci sia da sempre ma in realtà compirà trenta anni solo fra pochi giorni. Nel 2002, fra l’altro, grazie ad una sua azione il Brasile riuscì a tirarsi fuori da uno dei due momenti no del suo Mondiale (per l’altro, il gol di Wilmots negli ottavi, ci pensò l’arbitro): contrasto vinto ai danni di Scholes, palla a Ronaldinho, strepitosa azione del Gaucho e assist per Rivaldo. Guardare (o provare, alla Guido Angeli) per credere.
4. L’altroieri a Bucarest si è vista la Coppa del mondo vinta dagli azzurri, il trofeo che passa di mano ogni quattro anni e non la riproduzione. Esposta all’ambasciata d’Italia, nel quadro di un imprecisabile ‘Festival Italiano 2009’, anche per festeggiare il centesimo anniversario della federazione rumena: insomma, la sagra dell’inutilità. E idolatria più seriosa di quella trash di un Processo del Lunedì pre Italia Novanta, quando la coppa entrò in studio da Biscardi scortata da carabinieri in alta uniforme e applaudita in piedi dal pubblico.
Annunci

  1. ci siamo, ecco il sito ufficiale FIGC con tanto di foto:"Un azzurro più chiaro, i calzettoni marrone scuro e uno dei due pantaloncini della stessa tinta: è questa la novità della maglia, prodotta dalla Puma e presentata oggi a Coverciano, che la Nazionale Italiana indosserà in Sudafrica, in occasione della Confederations Cup. Un’edizione speciale dedicata esclusivamente a questo evento.Gli inediti colori sono un omaggio e un richiamo alla Nazionale di Vittorio Pozzo, due volte campione del Mondo: il marrone invece è una variazione sul nero che l'Italia indossò in alcune occasioni all'inizio degli anni '30. “E' un azzurro meno intenso – ha commentato il ct Marcello Lippi – ma, qualsiasi sia il colore, le quattro stelle ci sono e noi vogliamo onorare questa maglia”.In foto sembra la maglia della Lazio, con una tonalità appena appena un po' più scura, ma magari ci può anche stare (anche ad euro 2000 la maglia era quasi celestina). Del resto, azzurro, blu, celeste, sono varianti alquanto soggettive.A quanto intuisco, la ise sarà (dall'alto in basso) azzurro chiaro, bianco, marrone (speriamo scurissimo da sembrare nero), o in alternativa azzurro chiaro, marrone, marrone, contro squadre che indossano pantaloncini bianchi. Dice qui che la Puma ha optato per il marrone come variazione sul nero che l'Italia indossò "in alcune occasioni" (per decenni, fino agli anni 60, ma vaglielo a spiegare a questi…).La domande sorge spontanea: e se volevano tanto fare sta rievocazione, che gli costava "recuperare" il nero d'epoca, anziché "variare" (ma chi gliel'ha chiesto???) col marrone???Ormai per gli sponsor pure nero e marrone "devono" essere la stessa cosa.E' come se questi, per fare la maglia della Fiorentina, cambiassero per un po' il viola col verde pisello… così, per variare…

  2. Stando a quanto detto da Abete una settimana fa, i pantaloncini marroni sono confermati. La bella notizia è che li si dovrebbe vedere solo in Confederations Cup…

  3. Direttore, ancora oggi hanno rirpoposto la maglia slavata da Confederations. Ma conferme sui pantaloncini marroni, e motizie sulla loro esatta tonalità, ce ne sono?




Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: