L’inutile bugia di Moratti

Sparare una bufala di calciomercato da uno studio televisivo o da un sito come il nostro è più comodo che dare una notizia frutto di una giornata di appostamenti, telefonate ed incontri. L’aspetto triste della vicenda è che chi fa questo lavoro seriamente ha le stesse probabilità di prenderci dell’ultimo cialtrone. Esempio concreto: ieri pomeriggio Jorge Mendes ha detto a mezzo mondo, in via pseudo-confidenziale (un concetto di esclusiva piuttosto biscardiano, visto che lo sono venuti a sapere tutti), che il suo assistito Mourinho aveva prolungato il contratto con l’Inter fino al 2012 (con modalità e retroscena trash che analizzeremo in un prossimo pezzo). Il bravo cronista cosa deve fare? Prendere per buona la dichiarazione interessata di uno che magari vuole forzare la mano di Moratti per spuntare qualcosa in più o chiedere ai diretti interessati? La seconda, di solito. Irreperibile Mourinho, i più motivati fra i giornalisti si sono sottoposti alla solita scontata ‘posta’ sotto gli uffici di Moratti in Galleria De Cristoforis. E in serata sono riusciti finalmente ad incontrare il presidente dell’Inter, che gli ha assicurato che non c’erano e non ci sarebbero stati né adeguamenti né prolungamenti. Insomma, la parola ufficiale di Moratti contro quella ufficiosa dell’entourage di Mourinho: senza credere a nessuno (anche se la tendenza della maggioranza, a ogni latitudine, è stare dalla parte della società), materia per articoli neutri aspettando sviluppi. Piccolo problema: Mourinho fino al 2012 aveva già firmato da parecchie ore, quella di Moratti è stata quindi una bugia senza senso. Qualcuno dello staff gli ha poi ricordato l’importanza dei media: che negli ultimi 14 anni hanno stroncato ogni suo dipendente ma mai lui, sempre ‘grande esperto di calcio internazionale’ (salvo farsi turlupinare dalle cassette, come quasi tutti). Così alle 23 e 2 minuti, a prime edizioni dei giornali ampiamente chiuse, sul sito ufficiale è arrivato un bulgaro comunicato tanto per non far prendere il buco ai propri sostenitori: sì, perchè fra gli omaggiati della bugia c’erano proprio le testate che del morattismo hanno fatto una religione. E che continueranno a praticarla, per motivi diversi, nonostante le umiliazioni.

Advertisements

  1. Jeff, puoi dormire sonni tranquilli: siamo in buone mani…..”madremia…”(cit.)

  2. OT: Franceschini: «Ho visto la reazione indignata di Pier Silvio Berlusconi e mi dispiace che abbia male interpretato le mie parole. Se le riascolta vedrà che non ho mai espresso, nè lo farò, alcun giudizio su di lui e la sua famiglia. Ho parlato di valori che un uomo pubblico deve trasmettere al paese». Il Governo fa schifo, ma l’opposizione…….

  3. Beh, ma è così. L’Italia è il paese con più leggi al mondo, alcune incomprensibili, molte in contraddizione tra loro, spesso inapplicabili, quasi tutte inapplicate

  4. Qualcuno ha detto “non abbiamo bisogno di nuove leggi, abbiamo bisogno di rispettare quelle che ci sono già”…..

  5. E’ quello che dicevo ieri non ricordo più in quale contesto. Tanto per intenderci: sulle strade vige il limite il limite di velocità, ci sono i cartelli e le striscie pedonali, poi se uno ammazza due nonnini sulle striscie non è che possiamo mettere una pattuglia ogni cento metri. Quindi le cose succedono nonostante tutte le regole e le leggi del mondo. Il problema qual’è? che chi sbaglia deve pagare, cazzo, ma TUTTI, non solo quelli che è più facile multare o condannare. SENZA ECCEZIONI, SENZA SE E SENZA MA. Però se dici così sei un reazionario, i problemi sono benaltri, si ma è colpa della società…….. bla, bla, bla.

  6. Jeff, io ho mosso solo un ipotesi senza accusare nessuno, però se sei del mestiere (okkio a parlare troppo di te che qua si irritano…) sai benissimo che i contratti e le leggi sono spesso carta straccia. Se poi dici che “Saras, come tutte le aziende committenti quando succedono queste cose, sarà probabilmente ritenuta responsabile per la mancata vigilanza sull’operato dell’appaltatore” hai centrato il problema.Si firmano mille rassicurazioni e si prendono mille impegni, ma alla fine l’unica cosa che conta è il numero di zeri sul contratto…p.s.: so benissimo di essere responsabile per i miei appaltatori: quando lavoravo per l’organizzazione eventi ero odiato dagli allestitori perchè ero l’unico che rompeva i maroni pretendendo guanti, caschetto, scarpini, imbraghi, etc…Sono sincero: non lo facevo per loro (se uno non capisce certe cose, merita di farsi male) ma solo per me…

  7. Ragazzi, non diciamo cazzate. Le aziende appaltano mille lavori a ditte esterne ma con regolari contratti che di norma prevedono tutta una serie di obblighi relativi alla sicurezza, alla posizione dei lavoratori, alle responsabilità etc.. (faccio il consulente assicurativo, tra l’altro anche per Saras…). Nessun dubbio quindi sulla serietà dell’azienda e sulla serietà del modus operandi. Ciò detto:1. Saras, come tutte le aziende committenti quando succedono queste cose, sarà probabilmente ritenuta responsbile per la mancata vigilanza sull’operato dell’appaltatore perchè è ovvio che se è successo quello che è successo qualcosa non ha funzionato e anche nel caso in cui siano stati gli stessi lavoratori a contravvenire alle norme previste (come succede almeno nel 50% degli infortuni sul lavoro…) il committente è comunque responsabile se non prova di aver fatto davvero tutto per evitare il fatto (chi doveva controllare che la cisterna fosse bonificata? come mai non c’erano le maschere? etc…) 2. E’ indubbio che le Aziende tendano a ridurre i costi e questo vuol dire gare di appalto al ribasso ma, solo per spunto di riflessione e non per difendere la categoria, chi di noi compra al massimo dei prezzi? 3. occhio perchè chiunque di noi èpuò essere ritenuto responsabile degli inffortuni subiti dai nostri appaltatori, cioè del muratore/imbianchino/idraulico/elettricista/colf/badante etc…

  8. Vogliamo infilare il coltello nella piaga? Ok. L’intermediazione di manodopera è un reato amministrativo. Questi “noleggi” sono fatti a seguito di “progetti” che le società appaltatrici svolgono sul luogo con attrezzature proprie (si come no?…). Ma il “noleggio” di lavoratori in se non se po fa come attività.

  9. @Andrea: e te pareva che non fosse colpa mia!… :-DAl di là di tutto sono abbastanza d’accordo col tuo discorso, che è quello che dicevo a Jakala: fare le pulci a Monatti è ridicolo non perchè Monatti non lo meriti, ma perchè i presidenti son tutti così (poi, certo: è più facile dirlo solo di Moskovich che tanto non ci legge. Purtroppo il calcio costa, e i grossi volumi di denaro normalmente non li fai essendo una persona per bene).Sono meno d’accordo invece su altre due cose. Primo quando dici “i soldi son suoi e non della Minchias”. Perchè Monatti non è che finanzia il Biscione coi soldi guadagnati al Call-Center: quindi se per esempio la sua fetta di utile è gonfiato anche grazie al risparmio sulle norme di sicurezza la morale gliela si può fare eccome.Secondo. Non so cos’è successo precisamente, però sento dire dai Lurch dei vari forum che “non erano dipendenti Minchias e quindi la famiglia Addams non c’entra”. Calma: perchè non erano dipendenti?! Perchè la Minchias non li assume?! Forse perchè costa meno servirsi di una società esterna che ti “noleggia” dei precari. E perchè costa meno?! Forse perchè risparmiano “anche” sule norme di sicurezza. E vuoi che la Minchias non lo sappia?! E soprattutto, possiamo accettare che la Minchias non lo sappia?!Da lì allo sfruttamento minorile è un attimo: “Ah, ma io non so cosa fanno loro e come trattano i loro dipendenti, io appalto il servizio ad una società esterna e non ne ho colpa”.E sti cazzi! Appalti il servizio ad una società di farabutti e così ti lavi la coscienza?! Mi spiace ma non l’accetto. Vero che il mondo purtroppo va così, ma visto che “qualcuno” vive solo per la propria vanità, almeno possiamo ferirlo nel suo punto debole e dirglielo in faccia che è un pezzo di merda (lui sì, non Maldini…).E’ un discorso ipotetico ovviamente, ripeto che non so bene come stiano le cose e bisognerebbe appurarlo in maniera precisa, ma cose del tipo “erano dipendenti esterni” oppure “i soldi che mette nel Biscione son suoi e non della Minchias” non si possono sentire…

  10. Refuso tipografico: La Thyssen non è proprietaria di nessuna squadra di calcio, e nemmeno le migliaia di imprese edili dove ogni giorno muore qualche operaio, eppure…

  11. Jakala, che tu dica che la responsabilità è maggiore in proporzione ai guadagni o al numero dei dipendenti è comprensibile ma in parte opinabile, un principio è un principio… Comunque sono d’accordo che la sicurezza sul lavoro sia uno dei temi della nostra epoca. Ovviamente l’Italia è all’avanguardia se paragonata al 90% del resto del mondo, poi da noi vale il solito discorso: le leggi ci sono e sono anche buone ma nessuno le fa rispettare. Evidenziavo solo una certa retorica nell’accostamento incidemte alla Saras/gestione dell’Inter. La Thyssen non è proprietaria di nessuna squadra di calcio, eppure… imprese edili

  12. @Dane/jeffbuckely: Una società quotata in borsa, con migliaia di dipendenti ed utile ha sicuramente più responsabilità di un imprenditore con due/tre dipendenti. Credo che nella vita gli impegni siano proporzionali a tuoi guadagni.Se fate una birretta in compagnia avvisate :-)@eltopo: colpa in eligendo. La 626 prevede anche quella ;-)Ripeto la sicurezza è prima di tutto un costo per le aziende, non a caso viene trascurata. Meno spese, più utili semplice ;-)@Nick: Io non cerco di dare verità, ma di mettere dei dubbi. Se non hai meglio per te, vivrai più sereno e senza rughe

  13. ahhh scusate preciso (che se no qua scattano i coltelli)Certo che poi non sono d’accordo all’utilizzo fuffa della cassa integrazione, come rimarrei indignato se nella raffineria del signor moratti non si fosse verificata una tragica fatalità o un errore umano ma si accertasse un buco nelle procedure di sicurezza… sulla fininvest e le sue holding non parlo neppure.A

  14. La mia opinione è che tutti quelli che stanno “sopra” le squadre hanno qualcosa con i soldi che quantomeno è “moralmente” attaccabile. Troppo facile. Il mondo va così (e con questo non voglio dire che siano dalla parte della ragione o facciano bene), c’è poco da fare ed alla fin fine come si spendono i soldi è decisione personale.Anche se sinceramente mi è sembrato un errore da parte di molti presidenti comprare le squadre (perchè è inutile, non sono società secondo me) con altre società.Questo è attualmente il vero vantaggio del signor moratti (secondo me lo ha fatto per caso!) i soldi che versa per ripianare le perdite sono suoi personali e non ne deve rendere conto ad altri soci.Il milan invece (è per far un esempio) è controllato dalla fininvest e gli altri soci si sono anche un po’ rotti di versare la fresca (vedi a quella nota casa editrice dove non sono stati distribuiti i bonus del 2008 e tutti si sono lamentati della copertura perdite ac milan dell’anno passato).Io ad esempio sono convnto che il berlusca ne verserebbe alcuni molto volentieri ma non può o può con difficolta.. e non perchè non li abbia.Fu uno scandalo l’acquisto di corso, la juve offri follie per riva, il milan degli anni 80 sperperò immani fortune…. va così c’è poco da fare.I veri sprechi poi non sono relativi allo stipendio di ibra, totti, del piero o kakà… (con loro i soldi rientrano) i veri sprechi sono farinos e similari… ad esempio io trovo assurde le cifre per il rinnovo di aquilani che sarà anche forte potenzialmente ma non mette mai piede in campo… ha senso pagare una persona per non giocare?Insomma scandalizziamoci pure ma va così… e andrà sempre così. Colpa del dane che non si è prodigato per un mondo migliore :)A

  15. Jeremy, io avevo capito il tuo nobile intento, che tra l’altro è quello che cercavo. Come ho detto infatti ho capito poco di quello che è successo e sono ignorante in materia, speravo scatenando la discussione che qualcuno postasse qualche info in più per “erudirmi”.Ma poi si son scatenati i soliti portavoce dei rispettivi schieramenti con le difese d’ufficio degli uffici stampa del barsport e allora mi arrendo.Vabbè, cercherò qualcosa con Google. Ne riparleremo davanti alla famosa birra… 😉

  16. Dane, io l’avevo premesso che volevo fare una considerazione il piu seria possibile. Evidentemente non ci sono riuscito. Pazienza.

  17. Perchè? Non faceva ridere abbastanza anche quella di Agnelli?La gente arriva a sostenere che i soldi con cui viene tenuta su una squadra di calcio tolgono sicurezza ai lavoratori….e le “veline di regime” sono quelle di chi percula questi cialtroni?Ma pensa te…

  18. Jeremy, sai come la penso su petrolio e trasporto su auto. In ogni caso sull’argomento specifico (che tratta più di sicurezza che di petrolio) continuo a rimanere abbastanza ignorante ed ho postato quel video solo per aprire la discussione proprio nel tentativo di capirne di più.Ma vedo che siamo tornati alle veline di regime e quindi ritiro tutto. Avendo per anni sentito dire che Agnelli comprava Causio e Scirea coi soldi risparmiati grazie alla cassaintegrazione pensavo si potesse estendere il discorso ma evidentemente non è così.Kabul è qua ad un passo…

  19. Certo eltopo: se il prezzo della benzina aumenta per pagare Quaresma…

  20. adesso moratti si pagherebbe il giocattolo coi soldi sottratti alle misure di sicurezza dell’azienda?alè..che poi se non erano dipendenti saras casomai chi non li avrebbe forniti di DPI è il loro datore di lavoro, mica la saras..




Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: