Il cielo in un gancio

di Flavio Suardi

Il 16 aprile del 1947 nasceva a New York Lew Ferdinand Alcindor Jr., circa sessanta centrimetri di neonato con oltre 5kg di peso. Un’altezza eccezionale che, unita al colore della pelle, costrinse il futuro Kareem Abdul-Jabbar ad un’esistenza mai normale. Diversi gli aneddoti d’infanzia: dalle maestre che lo rimproveravano perché non stava seduto nel banco, quando lui seduto lo era già, fino a chi lo toccava con l’ombrello per capire se fosse vero quello che stava vedendo. Un ragazzo altissimo, fino ad un certo punto anche estroverso e ben disposto verso i suoi coetanei. Il primo episodio che ne mutò radicalmente il carattere risale ai tempi dell’high school. A Power Memorial, durante l’intervallo di una partita, il suo coach Jack Donohue lo apostrofò dicendogli: “Non corri, non lotti, non ti muovi! Stai proprio giocando come un negro”. Quell’episodio cambiò radicalmente l’esistenza di Alcindor, che continuò a dominare sul campo e a maturare rabbia nei confronti dei bianchi al di fuori. Il passo successivo lo portò a UCLA alla corte di John Wooden: come il suo allenatore di high school anche Wooden decise di impedire ogni contatto tra il giocatore e la stampa. Quattro anni senza interviste, ma con tre titoli NCAA consecutivi e un modo di dominare talmente eclatante da indurre la NCAA a vietare le schiacciate per limitarne lo strapotere. Nel 1968 aderì al boicottaggio dei giochi di Città del Messico, rifiutando la convocazione in nazionale. Nel 1971 diede applicazione pratica ai suoi studi sulla civiltà islamica, mutando il suo nome il Kareem Abdul-Jabbar, che significa il “generoso e potente servo di Allah”. Nel 1969 venne scelto come numero uno assoluto dai Milwakee Bucks, con i quali vinse il primo titolo due anni più tardi. La sua doppia esistenza continuava: venne minacciato di morte, divorziò e alcuni suoi amici vennero trovati uccisi in una casa di sua proprietà a Washington. In una partita contro Boston venne colpito violentemente ad un occhio: per la rabbia e il dolore si fratturò una mano scagliandosi contro il supporto del canestro e da quel momento cominciò a portare gli occhiali che non avrebbe più abbandonato. Nel 1975 passa ai Lakers e in una gara contro i Bucks fu protagonista di un episodio con la nostra vecchia conoscenza Kent Benson (Cantù): reagì ad una violenta gomitata con un pugno, fratturandosi ancora la mano e rimediando una multa salatissima. Nessun provvedimento nei confronti del bianchissimo Benson…Nel frattempo, dopo essersi risposato con Cheryl Pistono da cui ebbe un figlio, Amir, la sua casa venne completamente distrutta da un incendio, che si portò via anche una collezione di rarissimi dischi jazz e tappeti persiani. Grazie ad uno sky-hook, il tiro che lo rese celebre, superò il record di punti di Chamberlain (31.419), chiudendo la sua carriera a 44.149 punti con un unico canestro da tre punti, realizzato nella stagione 1986-87. Si ritirò a 42 anni nel 1989, dopo aver vinto cinque titoli con i Lakers dello showtime, talmente grandi da non essere nemmeno bisognosi di rievocazione più precisa. Sono passati vent’anni dalla sua ultima apparizione da giocatore. Auguri, Kareem.flavio.suardi@gmail.com
(in esclusiva per Indiscreto)
Annunci

  1. Vabbè, mo’ che cazzo devo scrivere?! Come si fa a commentare uno che più che un atleta è una leggenda?!…Da dove comincio, dal poster di Giganti del Bakset che avevo appeso alla porta della mia cameretta, dall’emozione di vederlo nella comparsata in L’aereo più pazzo del mondo, dalla mia prima tavola da skate (la mitica Steve Rocco) che aveva come grafica la caricatura di Jabbar senza la testa (usciva dalla tavola…), o dal primo paio di LA Gear comprate solo perchè azienda di sua proprietà?!Vabbè, faccio che non dico niente…

  2. Kareem è il simbolo di un altro gioco. Una pallacanestro con i fondamentali perfetti,meno strapotente e (soprattutto)meno strafottente.Un magistero tecnico clamoroso, l’arma totale più devastante di quel tipo di basket:già quarantenne fu ancora decisivo nelle sfide chiave per l’anello.E’ un giocatore che non ha avuto eredi,perchè eccezionale nel rappresentare un modello oggi estinto.

  3. Bellissimo. Complimenti.




Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: