Sport con un senso

La partita di fatto è finita dopo cinque minuti, ma perdere la notte per North Carolina-Michigan State ha avuto un senso. Un discorso puramente tecnico su quale sia il miglior basket del mondo non può nemmeno cominciare (dei primi cento giocatori del pianeta novantacinque giocano nella NBA, al netto delle considerazioni su certe partite di fine stagione con in campo chi cerca quel decimale di probabilità in più per arrivare a Blake Griffin), un discorso etico invece porta dritti verso lo sport fondato sul senso di appartenenza: il concetto potrebbe essere più chiaro leggendo il reportage da Peoria, Illinois, pubblicato sull’ultimo American Superbasket a firma Roberto Gotta (the original March Madness, cioè il torneo finale delle high school dello stato di recente purtroppo diviso in quattro fasce), ma anche la Division I della NCAA si presta a spiegarlo. Dei due quintetti base solo Ty Lawson (per lui record di recuperi in una finale) ha un futuro NBA a livello alto, mentre per gli altri ci può essere buon gregariato (Hansbrough, Green, Lucas), specializzazione (Ellington, Suton) o Europa. Non la spariamo grossa se diciamo che tre dei quattro recenti Montepaschi-Pana hanno avuto intensità e livello tecnico molto superiore a questa partita giocata davanti a 73mila spettatori, ma la forza del basket di college è proprio quella di prescindere dal valore di chi va in campo. Chi pensa di strappare giovani tifosi alla NBA proponendo in vari paesi del mondo delle locali NBA di sfigati (al confronto) continuerà a sbagliare e a perdere terreno, rimanendo in balìa di pseudomecenati e riciclatori vari.

Annunci

  1. Secondo me anche peggio, perchè il calcio europeo di vertice se ben gestito può stare in piedi da solo mentre il basket ha quasi sempre bisogno del ricco che pompi soldi (per motivi a volte non nobili, ma che comunque non c’entrano con il basket): le tribune delle partite casalinghe dell’Olympiacos, ben visibili a noi che amiamo le immagini sgranate in stile DDR di Eurosport 2, fanno capire che i sei milioni all’anno per Childress vengono recuperati da altre parti. In questo sistema sostanzialmente finto il mediatore si può inserire più facilmente, almeno in teoria.

  2. Direttore, dice che anche nel basket europeo si aggirano i Bronzetti?!…

  3. Dell’eurofinale di volley ho letto, ma non ho visto la partita…va detto che forse diamo allo sport colpe e meriti che non sono solo dello sport. Nella NBA non ci sono gli ultras ma in diversi quartieri delle sue città non si può circolare, mentre pur con tutto lo schifo che vediamo noi (italiani, europei) fuori dagli stadi non siamo ancora ghettizzati o autoghettizzati. Ci stiamo arrivando, comunque…

  4. @Olivari:Ho postato le mie impressioni sul Muro;purtroppo in Europa stiamo avanzando,come i gamberi,in direzione opposta…E non parlo solo di foot(che a me freguntubo)o po patok:ha visto la finale di Champions(bravi,bella fantasia..)di volley?Gli ultrà dell’Iraklis hanno provato ad ammazzare qualcuno:così,per divertimento…




Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: