Torrisi di punta

di Stefano Olivari

1. Un grazie ad Alessandro Palmieri per un ‘Dove sono adesso’ riguardante Stefano Torrisi. A quasi 38 anni l’ex difensore di Torino, Bologna, Parma e tante altre squadre ha lasciato la Loops Ribelle di Castiglione di Ravenna perché il campionato di Promozione richiede un impegno tutt’altro che dilettantistico mentre Torrisi vuole giocare solo per divertimento. Quindi dopo un viaggio negli Stati Uniti fra poco lo si potrà vedere nella Virtus Ravenna (Seconda Categoria). La sua unica richiesta sarà di non giocare in difesa.
2. Dane ricorda un provino giovanile al Milan di Markovic, raccomandato da da Dejan Savicevic. Fra i tanti Markovic immaginiamo si tratti di Marjan, all’epoca difensore della Stella Rossa Belgrado, che dopo tre stagioni in forza alla Dinamo Kiev è tornato alle origini.
3. Di culto la richiesta di Milton, non il ballerino cubano ma l’ottimo centrocampista del Como di fine anni Ottanta. Dopo l’argento olimpico di Seul, con una selezione che schierava Romario e Bebeto, ed i due anni (il secondo in B) lariani con due retrocessioni su due, Luiz Filho de Souza ha giocato per quasi un decennio in Svizzera (Chiasso, Zurigo, Sion, San Gallo) e da quando si è ritirato non abbiamo sue notizie. Qualcuno ci aiuti…
Annunci

  1. zoleddu

    un amico mi ha suggerito Kanchelskis,ex viola acquistato nel ’97 da Cecchi Gori per ben 17 miliardi dall’everton(con i soldi dell’incasso del “Ciclone”…)

  2. Dane

    @Fabio: Valdanito non è mai in fuorigioco! E’ la difesa che sbaglia muovendosi in anticipo…@Pierfrancesco: Milton non aveva calcolato la catastrofe Agroppi…

  3. jeremy

    Pierfra, ora ti faccio piangere: che fine ha fatto Marulla, idolo incontrasto e incontrastabile di Cosenza? Mi ricordo allenasse il Cosenza in D o mi sbaglio?

  4. Pierfrancesco

    fermi tutti: io di Milton ricordo persino la prima intervista italiana, rilasciata al CorSport, in cui tuonava “Questo Como è da primi dieci posti!”.Ma come, gli dice il giornalista, il Como in lotta per lo scudetto?”Beh, io ho detto sol che arriverà fra i primi dieci… quindi magari anche decimo. Però salvo”.Il Como retrocesse già verso febbraio…

  5. fabioalessandria

    Me la ricordo perfettamente: mezzogiorno in un Juve Club, io ormai parmigiano d’adozione e milanista avevo ottenuto la dispensa per mangiare lo spiedo e seguire la partita in mezzo ai gobbi a patto di non gufare e non tifare, pur munito di regolare sciarpetta gialloblù. 9 contro 11, 95′ minuto: Hernan parte in fuorigioco (sì!!!) poi li scarta tutti e mette il diagonalone beffardo!!! Sono impazzito e ho cominciato ad esultare come un ossesso (io a Hernan voglio bene anche oggi che gioca per l’Inter, persona squisita ed educatissima, tra l’altro), correndo su e giù per il bar come un Malesani qualunque. Quasi vengo picchiato da un simpatico gobbo, ma quanto ho goduto…@Direttore. Che fine ha fatto Marinelli, biondo argentino dribblomane del Torino di Romero? Mi piaceva un sacco, ne ho perso le tracce da qualche anno…

  6. Dane

    E come dimenticarlo?! Valdanito fece in 30 secondi quello che Zidane fece in 90 minuti…..

  7. marcopress

    non c’entra niente ma ricordo (da tifoso Juve) Torrisi abbattere nonmiricordochi (comunque rigore, 0-1 e lui, poverino, pure si spacca il ginocchio) in un memorabile Parma-Juve 1-1 quello di Crespo all’ultimo minuto 9 contro 11. Memorabile per la più spettacolare partita di Zidane mai vista. era a mezzogiorno

  8. Dane

    @Direttore, però non si spiega perchè una volta visto in Italia Milton venne lasciato retrocedere…@Lornzo: ah, quella Svezia anni 80 ce l’ho nel cuore, non fosse altro che per le ultime divise Adidas gessate (tipo blocco comunista anni 70-80…). Tra gli apparsi in Italia a me piaceva da matti Lympar…

  9. dag_nasty

    che classe sopraffina Milton, lo ricordo a Chiasso, davvero fuori categoria per i piedi che aveva.

  10. Lorenzo

    Milton era davvero forte. Era proprio un’epoca in cui anche le squadre medie o piccole portavano a casa stranieri di livello davvero alto (Milton uno tra tanti, ma per capirci parlo anche di Stromberg, di Elkjaer, …).Oggi anche le grandi fanno fatica a tenere 1-2 fuoriclasse di livello mondiale nel pieno della carriera

  11. Stefano Olivari

    Il criterio era quello di non avere mai giocato in un Mondiale, intendendo per Mondiale solo la fase finale e non le qualificazioni. Anche a LA 1984 funzionava così.

  12. Carlo

    era fortissimo nei calci di punizione…Brasile – URSS delle Olimpiadi rimane una partita CULT…un po’ come il Kalusha Bwalya alle 9 del mattino…Stefano, una domanda: con quale criterio i giocatori potevano venire selezionati per la Nazionale B?

  13. Stefano Olivari

    Grazie per la segnalzione, Claude. Essendo del 1961, Milton avrà avuto quindi all’epoca 43 anni ufficiali…non è escluso che scendendo di livello possa essere ancora attivo in qualche realtà amatoriale. Davvero un ottimo giocatore, che ha pagato il fatto di non essere stato molto considerato in Brasile fino all’Olimpiade 1988.

  14. claude

    Ciao,ho giocato contro Milton 5 anni fa nella seconda lega svizzera (campionato regionale, per cantone non so dirvi a cosa possa corrispondere in Italia). Lui giocava per l’Aigle, comune del canton Vaud (Losanna). Si diceva che il presidente della squadra gli avesse trovato un lavoro purché lui giocasse nella squadra (vosi di corridoio). Comunque aveva ancora una gran classe sia nel giocare che nell’atteggiamento. Visto anche Cauet qualche anno fa giocare con la primavera del FC Sion




Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: