Il paradiso dei Ciuccariello

di Marco Liguori

Chi è Raffaele Ciuccariello che aspira all’acquisto del Torino da Urbano Cairo? Qual è la storia dell’imprenditore nato 68 anni fa a Lucera? “Il pallone in confusione” ha cercato di ricostruirla attraverso le visure della Camera di Commercio. Presso gli archivi camerali sono presenti quattro aziende in cui è presente il suo nome: una ditta individuale, due società in nome collettivo e una società a responsabilità limitata di recente costituzione. Sono stati richiesti anche i loro bilanci: ma l’ente camerale risponde che finora non risulta alcun deposito. Non c’è quindi alcun documento contabile disponibile: non si può quindi verificare lo stato economico-finanziario passato e presente delle sue società. In principio Ciuccariello aveva un’impresa individuale, denominata con il proprio nome e cognome, impegnata nell’autotrasporto di merci su strada con sede a Torino. E’ stata costituita il 19 febbraio 2006 e cancellata dalla Camcom il 24 gennaio 2001, in seguito alla sua cessazione avvenuta nel dicembre 2000. Il 1° luglio 2003 l’aspirante acquirente della società granata costituisce una società in nome collettivo: “Il paradiso dei regnanti snc di Di Munno Rosa & c.”. Ciuccariello ne risulta socio amministratore assieme a Rosa Di Munno: ciascuno di essi aveva conferito alla società una somma di 250 euro, per un patrimonio complessivo di 500 euro. Le visure riportano un oggetto sociale abbastanza composito: dalla produzione e vendita al minuto e all’ingrosso di pizza da asporto, alla «somministrazione di cibi alimenti e bevande» fino a compiere «qualsiasi operazione mobiliare e immobiliare» e «l’assunzione di mutui passivi con la concessione delle richieste garanzie anche reali e la prestazione di garanzie reali e personali». Pochi giorni dopo la sua costituzione, il 3 luglio, la società acquista dalla “Regnanti snc di Sorintano Pasquale e Ciuccariello Norbert”, dove è impegnato un figlio di Ciuccariello, un ramo d’azienda: quest’ultimo il 20 ottobre 2005 il percorso inverso.Il 24 ottobre 2003 Ciuccariello dà vita alla “Il paradiso dei regnanti 2 snc di Ciuccariello Raffaele e Sorintano Pasquale” con sede ancora a Torino. Capitale sociale sempre i soliti 500 euro (250 per socio): oggetto sociale gemello con quello della precedente snc. Anche in questo caso la società effettua un’acquisizione di ramo d’azienda a pochi giorni dalla sua costituzione. Visure alla mano, il 29 ottobre 2003 lo compra da “Il merendone di Amitrano Silvana & C.snc”: il 5 dicembre 2003 il ramo aziendale ritorna al suo precedente padrone.Nel frattempo “Il paradiso dei regnanti snc di Di Munno Rosa & c.”, “Regnanti snc di Sorintano Pasquale e Ciuccariello Norbert” sono state dichiarate fallite dal tribunale di Torino. Le visure camerali riportano che per la prima snc i giudici hanno emesso la sentenza il 27 aprile 2006: inoltre hanno sancito il fallimento «in proprio di Di Munno Rosa e Ciuccariello Raffaele». Lo stesso tribunale ha dichiarato chiuso il fallimento il 6 novembre 2006 «per l’ipotesi n.4 dell’art. 118 L.F.», ossia quando non può essere proseguita la procedura per insufficienza di attivo. L’11 ottobre 2004 è stata dichiarata fallita la “Regnanti snc di Sorintano Pasquale e Ciuccariello Norbert” assieme ai due soci. I magistrati del capoluogo piemontese hanno decretato il 26 ottobre 2004 la chiusura della procedura fallimentare della società «per l’ipotesi di cui al n.3 dell’articolo 118 L.F.» cioè «quando è compiuta la ripartizione finale dell’attivo». Inoltre, è stata stabilita anche la conclusione del fallimento del socio del figlio di Cuccariello, Pasquale Sorintano: anche in questo caso perché «non possa essere utilmente continuata la procedura per insufficienza di attivo». Infine, il 29 gennaio scorso è stata fondata la Royal srl, sede sempre a Torino e un capitale sociale di 10mila euro. Ne sono soci: Norbert Ciuccariello (50%), il papà Raffaele (25%) e Carlo Saccomando (25%) che ne è amministratore unico. L’oggetto sociale è molto vasto: dalla costruzione e demolizione di immobili di qualsiasi genere, alla conduzione di strutture turistico-alberghiere, edizione e distribuzione di libri, riviste e giornali, fino alla costituzione di scuole per modelle. Le visure riportano che la società «potrà svolgere tutte le operazioni immobiliari, commerciali, bancarie e finanziarie che si rendessero necessarie e opportune per il conseguimento dello scopo sociale». Tra queste c’è anche l’acquisto del Torino? Il mistero è più fitto che mai.
Marco Liguori
(per gentile concessione dell’autore, fonte: Il Pallone in confusione)
Annunci



    Rispondi

    Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: