Anti-olandesi al potere

di Alec Cordolcini

1. “Come commenta l’elevato numero di rigori a favore della sua squadra in questa stagione?”. “Noi in area ci entriamo spesso”. Piccolo omaggio a Zeman e al suo stupendo Foggia, probabilmente la squadra italiana che si è più avvicinata ai dettami della scuola calcistica olandese. Una scuola che, secondo una recente inchiesta del settimanale Voetbal International, può considerarsi defunta, dal momento che quasi nessuna squadra in Eredivisie oramai le è rimasta fedele. Ma quali sono i tratti distintivi di questa filosofia calcistica? La rivista individua i seguenti: tridente d’attacco con due ali pure (alla Johan van’t Schip o, in tempi più recenti, alla Arjen Robben), un difensore centrale capace di partecipare alla costruzione del gioco e di impostare egli stesso la manovra (Frank de Boer o l’universale Philip Cocu), una coppia di terzini di spinta (il Giovanni van Bronckhorst dei bei tempi), un regista sulla linea mediana, pressing e possesso palla.
2. I più “olandesi” tra i tecnici della Eredivisie risultano così l’inglese Steve McClaren e il norvegese Trond Sollied. Il primo, si legge nel reportage, “giunto probabilmente in Olanda con la convinzione di entrare in un ambiente di spiccata mentalità offensiva” propone un Twente d’attacco con due seconde punte (Elia e Arnautovic) convertite con straordinari risultati in ali grazie al cristallino talento degli interpreti, un numero 10 a tutto campo (Perez) e una linea mediana aggressiva che in fase di non possesso non attende l’avversario cercando per contro di soffocare sul nascere la sua manovra. Ai Tukkers manca però un regista arretrato, quasi un piccolo contrappasso per un club che in passato ha annoverato tra le proprie fila il miglior libero “alla Beckenbauer” mai apparso nei Paesi Bassi, ovvero Epi Drost.
3. Un centrale attivo in fase di costruzione è invece presente nell’Heerenveen di Sollied, anche se Micheal Dingsdag si caratterizza più per le percussioni palla al piede (alla Lucio, per intenderci) piuttosto che per i lanci illuminanti dalle retrovie. Per il resto tridente “spurio” per i Frisoni (sulla destra un’ala vera, Beerens, a sinistra il jolly Pranjic) unito ad un regista (Vayrynen) sulla mediana. L’atteggiamento muta invece in funzione dell’avversario. Aggressivo con le piccole, prudente nei big match, con risultati alterni (bene nella vittoria all’Amsterdam Arena contro l’Ajax, disastroso in Uefa contro il Milan, anche a causa dell’incomprensibile 3-5-2 proposto da mastro Sollied). Possesso palla e pressing maggiore per i cugini del nord del Groningen di Ron Jans, la cui mentalità “olandese” è ibridata con un modulo che prevede due punte, un centrocampo a diamante e terzini padroni della fascia (ottimo Bruno Silva la scorsa stagione, quando finì nel mirino della Fiorentina dopo due splendide performance in Coppa Uefa contro i viola).
4. La squadra che meno di tutte risponde ai classici canoni della scuola olandese è la capolista del campionato, l’Az Alkmaar di Louis van Gaal. Modulo 4-4-1-1 senza ali, mentalità attendista e sorniona, il contropiede quale arma micidiale. Un dato esemplificativo: nell’incontro casalingo con il De Graafschap penultimo in campionato, il possesso palla degli ospiti è stato del 54%. L’Az ha vinto 2-0, un risultato piuttosto sparagnino che il club di Alkmaar quest’anno ha realizzato più volte (dieci gli incontri consecutivi al DSB Stadion in cui il portiere argentino Romero non ha incassato gol). Niente più roboanti 8-2 sul Nac Breda e altrettante pirotecniche cadute sul campo dell’Excelsior di turno; l’Az è diventato cinico e calcolatore, e sta facendo saltare il banco. Alla faccia di chi ritiene Van Gaal un santone tatticamente ormai superato…
5. Chiudiamo con le big, omettendo il Feyenoord già trattato la settimana scorsa. Il 4-3-3 di Marco van Basten all’Ajax è un inno alla sperimentazione, spesso senza criterio. Il tridente è privo di ali; non lo è Suarez, seconda punta mobile, né tantomeno Emanuelson, terzino/interno sinistro riciclato in avanti causa scarsa crescita nelle due precedenti posizioni. Le uniche ali vere Van Basten le tiene in panchina (Leonardo) o le cede in prestito dopo averle messe fuori rosa (Rommedahl, finito al Nec Nijmegen). In più impiega il serbo Sulejmani come numero 10 alle spalle del tridente; ma la giovane rivelazione della scorso campionato si era messa in luce con l’Heerenveen come attaccante esterno in un 4-3-3 o seconda punta in un attacco a due. Del rifinitore Sulejmani non possiede né il tempo né il ritmo, solo la fantasia. E l’Ajax possiede lo stesso equilibrio di un pattinatore sul ghiaccio sottile: alla prima crepa (nel loro caso l’Euroborg di Groningen), crolla tutto.
6. Anti-olandese per eccellenza è il Psv Eindhoven con il suo 4-5-1 iper-attendista (il modulo era stato ironicamente ribattezzato “Stevensie”, fusione tra il cognome dell’ex tecnico Huub Stevens e la parola “defensie”, difesa). Ali confinate nel ruolo di esterni (Amrabat), assenza di play-maker (Afellay cerca di scombinare le carte con la mobilità, Simons ha ereditato da Cocu solamente la fase difensiva), marcatori puri (Marcellis e, non ridete, Brechet), nessun terzino di spinta. In quest’ultimo caso anche perché vengono spesso utilizzati giocatori fuori ruolo. Contro il Volendam nell’ultimo turno di campionato a destra agiva il centrocampista australiano Culina, a sinistra il centrale messicano Salcido. Il risultato è stata una difesa fatta a fette dalla squadra sul fondo della Eredivisie, che però giocava con due ali vere (Sheotahul e Van Dijk), terzini che si sovrapponevano, pressing a metà campo e difesa altissima. Il Volendam, che ha perso 5-3, tentava di giocare all’olandese. Lo scarso risultato finale, nel caso degli oranje così come di altre squadre minori, è legato al modesto livello qualitativo della rosa. Questo però è un altro discorso.
Alec Cordolcini
wovenhand@libero.it(in esclusiva per Indiscreto)
Annunci

  1. Stefano Olivari

    Posto come al solito io le risposte di Alec, che non ha ancora vinto la sua guerra con il firewall.”Dal punto di vista esteticoè innegabile che l’attuale AZ poco abbia a che spartire con quello diAdriaanse o del primo anno-Van Gaal. Però al tecnico va dato atto diessere tutt’altro che un allenatore superato capace solo di vincere indeterminati contesti, come ancora oggi capita di leggere e/o ascoltare.Vincere un campionato con l’Az equivale a una grandissima impresa. Ilcome lo si vinca conta poco. Specialmente se si valorizza un buonnumero di giocatori.Riguardo a Bruno Silva, dopo aver forzato iltrasferimento dal Groningen all’Ajax ha offerto un rendimentoaltalenante, facendosi notare più per i buchi lasciati in difesa cheper la costante spinta sulla fascia. Con Van Basten è finito inpanchina, venendo scavalcato dal giovane Van der Wiel il quale,attualmente, è una delle poche note liete dell’Ajax”.

  2. cuginostivi

    Grande Bruno Silva ! Ma si è mantenuto sui livelli degli scorsi anni nonostante l’annataccia Ajax?

  3. Carlo Pizzigoni

    Grande Alec, ancora una volta. van Gaal è un allenatore, un grande allenatore, non un santino.

  4. Ataru

    Ehm…Cordolcini sorry

  5. Ataru

    Non me ne verrà Coldolcini, ma un van Gaal sparagnino e convertito al 4-4-1-1 sarà anche vincente, ma che tristezza :(Per carità i risultati gli danno ragione, ma il motivo per cui guardo ogni tanto le partite su SI è perché sono innamorato del calcio olandese nella sua versione più fondamentalista.Ataru’s corner

  6. Jean Lafitte

    se dobbiamo usare lo stesso criterio allora neanche negli anni 70 c’erano squadre che giocavano “all’olandese”. però il post contiene diversi spunti interessanti.KUBALA




Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: