Una vita di Corsolini

di Stefano Olivari

Piccola guida per spiegare cosa è stato Gianni Corsolini per il basket italiano: appassionato allenatore durante la giovinezza bolognese, geniale dirigente creatore insieme alla famiglia Allievi del miracolo Cantù negli anni Sessanta (con un grande ritorno a fine Ottanta), uomo marketing e dirigente anche nella Udine degli Snaidero (anche qui con un ritorno), presidente di Lega, fra i primi in Italia ad avere dato una veste meno artigianale e mecenatistica alle sponsorizzazioni sportive, se la memoria non ci inganna titolare anche di una rubrica nello storico Superbasket di Aldo Giordani (di cui era amico) nonché padre del giornalista Luca. Un’esistenza nel basket italiano, visto da ogni angolazione, sintetizzata nell’agilissimo ‘Quasi sessant’anni della mia vita con gente del basket’ (Editore Alba Libri), che permette anche a chi è digiuno della storia di questo sport di comprendere la sua evoluzione orgnizzativa nel corso dei decenni. Mille personaggi, dai famosissimi agli sconosciuti, e un grande pregio: raccontare cosa c’è dietro al basket di alto livello, impossibile da sostenere solo con gli incassi al palazzetto. Un difetto del libro è forse quello di concentrarsi più sul racconto e la descrizione, come nell’ansia di non dimenticare nessuno in campo e fuori, che nell’analisi di un mondo che solo i Corsolini possono analizzare al tempo stesso con realismo ed apertura mentale. Alla fine si capisce che quello che vediamo ogni domenica anche nel 2009 è quasi un miracolo, rapportato alla penetrazione del basket nel sentire popolare: un miracolo costruito con il lavoro, la passione e l’amore per la gente del basket. Come la Cantù dei Marzorati e dei Recalcati giocatori, più luogo dell’anima che progetto replicabile ai giorni nostri.
stefano@indiscreto.it
Annunci

  1. Roberto

    @Simone: sono io, si.

  2. Simone

    @Roberto:se sei lo stesso che scriveva di Delfo Zorzi,in un altro post,hai straragione anche tu…

  3. mascalzonepadano

    Si, uno dei rimpianti della mia vita è non avere conservato almeno qualche copia di SB. Resta tutto ben vivo nella memoria comunque. Quanto era avanti il Jordan! Solo dopo l’ho capito. Scusate, si parlava di Corsolini, grande anche lui, ma lo ricordo meno bene.

  4. Roberto

    @Simone: quanto hai ragione…

  5. Stefano Olivari

    Non potevo vivere nel dubbio e ho fatto controllare fisicamente. Corsolini contro Corsolini era su Giganti…

  6. Simone

    La rubrica era “Corsolini contro Corsolini” e appariva su Giganti. A rivedere quei periodici,la qualità degli scritti e delle foto, mi viene male…Ah,se v’interessa ho ancora delle annate di SB da vendere,sic.

  7. Roberto

    Sembra anche a me Giganti. Ma, ovunque fosse, un gigante pure lui…

  8. kalz

    E la stessa rubrica a cui pensavo io, e visto che seguivo più i Giganti di Superbasket… ma non ci metterei la mano sul fuoco.

  9. Stefano Olivari

    Forse hai ragione tu, io mi ricordo una rubrica in tandem con il figlio ad inizio anni Ottanta: non so se su Superbasket o su Giganti. L’amicizia con Giordan mi fa pensare a SB, la collaborazione del figlio a Giganti: comunque quando vado a casa posso controllare nelle cantine…

  10. kalz

    Un gigante nello sport dei giganti.A proposito, a me sembra che collaborasse anche con i Giganti del basket, dove tra l’altro iniziò anche l’allora giovanissimo figlio. sbaglio?




Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: