Di Coco si può dire

Pur essendo abituati al saputellismo di chi vive davanti al computer e ascoltando al telefono i pettegolezzi più improbabili su chiunque (l’architrave ideologica del perfetto gossiparo è che tutti i calciatori siano bisex: da lì mille variazioni sul tema, la più recente è un martellamento da Trigoria), sabato scorso ci è venuto un colpo leggendo sulla Gazzetta dello Sport questo articolo a firma di Antonello Capone. Uno di valore, che di solito si occupa di argomenti pesanti fra economia e politica sportiva: cose magari trascurate da chi aspetta dodici finali o crede allo scambio Trezeguet-Aguero, ma che nella rassegna stampa dei presidenti occupano giustamente un posto d’onore. L’articolo di sabato, dicevamo.

«Acquistai per 30 milioni più 6 di Iva foto di Coco nell’ interesse suo e del Milan. Non gli dissi nulla. Detrassi i soldi dallo stipendio. Quando il giocatore venne a lamentarsi gli diedi la busta: “Guardale, se ritieni di protestare ancora, torna. Non tornò». Galliani depone al processo Corona («Ma lui non mi chiese mai nulla, acquistai dal fotografo che me le segnalò, un amico, Chiarini di Olympia Fotocolor») e non gli è facile raccontare cosa impressionavano, quando lo chiede la presidente della V Penale: «Sul ponte di una barca alle Baleari, nel 2001, c’ erano tre ragazzi in piedi senza costume e tre sdraiati. Coco era in piedi».

Senza entrare nel dettaglio, due modeste considerazioni. 1) I processi penali sono pieni di racconti di particolari scabrosi, che possono essere utili ai magistrati ma giornalisticamente aggiungono poco alla vicenda. Sapere che quelle di Coco erano genericamente ‘foto compromettenti’ o che riguardassero sesso orale in barca (abbiate almeno il coraggio di farci il titolo) non è poi così diverso: pubblicare o non pubblicare i particolari è solo una scelta della testata. Guarda caso per Coco si propende per il sì, con firma di un giornalista di punta (quando sarebbe bastato il copia & incolla della testimonianza di Galliani fatto da uno stagista): va ricordato che i fatti riguardano un ragazzo famoso ma fuori da ogni giro, oltre che inviso per motivi diversi ai dirigenti delle due squadre milanesi che tengono in piedi la Gazzetta con dvd sempre meno venduti. Chissà le risate, leggendo la rassegna stampa…2) Nemmeno per un istante i fotografi italiani pensano di vendere i loro scoop (di qualsiasi genere) ai loro naturali datori di lavoro, cioé i giornali. Non perchè si tratti di gente strutturalmente sporca (a volte sì, in proporzione come i medici o i fruttivendoli), ma perché i giornali sono quasi tutti controllati a monte dagli oggetti principali dei possibili articoli. Non solo con la proprietà diretta, ma con la pubblicità, le iniziative commerciali ed altri mezzi meno sottili. Quindi è logico che il fotografo nemmeno si illuda di poter vedere pubblicato il suo lavoro, come è successo di recente per immagini riguardanti Ancelotti. Qui volevamo solo dire che se Coco giocasse ancora, magari anche solo nel Livorno, queste poche righe sarebbero magari state sostituite dal racconto di una qualche sua iniziativa benefica. E anche un’altra cosa: il pettegolezzo è un genere giornalistico da trattare senza snobismo (come filosofia non è più stupido del calciomercato, del giro di pareri su chi vincerà lo scudetto o dei mock draft) perché fa vendere più giornali, ma quando si fa in maniera selettiva, solo su Beckham (cioé quello lontano che tanto non ti querela) o sull’ex calciatore in disgrazia diventa qualcosa di vomitevole.

stefano@indiscreto.it

Annunci

  1. jeffbuckley

    quattro anni fa ero a s. tropez a fare la giraglia e coco era ormeggiato in porto con un mega yacht (non troppo mega a dire il vero ma insomma…) in compagnia di quattro o cinque amici che definire tamarri è riduttivo. Ciò detto però, concordo che la vita privata di chiunque non dovrebbe fare notizia se non, al limite, in quanto causa di problemi nella sua attività pubblica. Mi risulta che coco abbia smesso di giocare per problemi alla schiena che non credo collegati alla sua vita privati (niente battutacce please) così come, che so, alessandro bianchi, ha smesso dopo l’infortunio alla gamba e non per altri motivi. Il caso di Adriano per esempio è diverso, in questo caso la sua vita privata interferisce con la sua attività di calciatore e quindi qualche notizia in più sarebbe anche giustificata (anche se poi quello che sembra interessare è l’aspetto gossiparo e guardonesco della cosa)

  2. igorvazz

    Infatti:Coco è, parlo per me, un antipatico e, forse, in certe circostanze è stato alquanto sprovveduto.Ciò non toglie che si scelga di colpire lui perché non in grado di difendersi e non appartenente a nessuna “grande famiglia”…Uno schifo, pur nella convinzione, ribadita anche da Dominique nel pezzo successivo, che la stampa sportiva sia forse la “più pulita” nell’ambito dell’editoria italiana.

  3. Stefano Olivari

    Grazie per l’augurio! Quanto a Coco, come ben sai non è un mio amico ma di sicuro in questo momento è il classico famoso che non fa parte di nessuna ‘famiglia’. Uno di cui si può impunemente parlare male, quindi secondo me meritevole di tutela. E stiamo parlando solo di calcio, figurati cos’è la stampa finanziaria…

  4. igorvazz

    Stefano,”ben tornato” su indiscreto, sito mai uscito dal cuore, mio e di tantissimi altri.Speriamo che il futuro sia sempre migliore.Sul pezzo:niente da eccepire a proposito di ciò che scrivi… La metastasi è ben avanzata, e il giornalismo sportivo non è certo la mela marcia di un panorama sconfortante.Ciao, ig.




Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: